CASE MODULARI PER I SENZATETTO DI SAN FRANCISCO E LOS ANGELES

5 Apr 2017
CASE MODULARI PER I SENZATETTO DI SAN FRANCISCO E LOS ANGELES

Case modulari economiche ed ecologiche: le micro soluzioni abitative d'emergenza stanno riscuotendo sempre maggior interesse, nonostante qualche critica.

Per alcuni sono la soluzione abitativa del futuro in quanto costano poco ed occupano uno spazio estremamente ridotto, per altri sono una risoluzione rapida ed efficace per le situazioni di emergenza, come dopo un terremoto per accogliere gli sfollati ed i senzatetto. Ma molti le ritengono un semplice, suggestivo quanto romantico palliativo, in quanto le dimensioni estremamente ridotte, per quanto ottimamente studiate ed organizzate, a lungo andare – ma si parla per lo più di dodici, diciotto mesi! - creano problemi legati all'incapacità degli esseri umani di sopravvivere in spazi sovraffollati e ridottissimi: «Tutti hanno bisogno del proprio spazio – ha spiegato a tal riguardo Dak Kopec, docente di Design per la Salute umana al Boston College –, infatti la mancanza di spazio è stata collegata alla depressione, all'alcolismo e allo scarso rendimento scolastico nei bambini».

Ma di cosa stiamo parlando? Semplicemente delle mini case!

Sta di fatto che le mini case rappresentano di fatto un'eccellente soluzione abitativa d'emergenza e di pronto utilizzo, oltre ad essere un funzionale metodo per ridurre lo spazio di suolo edificato: sono ormai decenni, infatti, che l'uomo studia soluzioni che limitino l'utilizzo dello spazio, quantomeno orizzontale, proponendo sempre più soluzioni verticali, dai grattacieli ai giardini ed ai boschi verticali. Se, quindi, sono poche le persone che, soprattutto nel nostro Paese, abbiano deciso di abbandonare i comfort di un'abitazione tradizionale per trasferirsi in micro appartamenti su ruote di dieci, quindici metri quadrati – in buona sostanza, delle roulotte 2.0 – è altrettanto vero che le stesse potrebbero avere un futuro, e roseo, se impiegate per aiutare sfollati e senzatetto, proponendo soluzioni abitative più belle, funzionali ed ecologiche dei “classici” container.

 

MICROPAD, LE CASE MODULARI PER I SENZATETTO DI SAN FRANCISCO

A fronte di un problema di proporzioni enormi – settemila persone senzatetto nella sola città di San Francisco – nel 2015 si è cominciato a pensare a come ovviare alla grave mancanza di case, causa di consistenti esborsi da parte delle Amministrazioni comunali per quanto riguarda la fornitura dei servizi di base per i clochard. Di fronte ad una situazione di questa gravità la Panoramic Interests ha dato vita al progetto MicroPAD, un micro modulo abitativo prefabbricato che può essere utilizzato sia singolarmente che modulato in composizioni fino alle duecento unità.

Il punto di forza del progetto MicroPAD? I costi di realizzazione estremamente bassi. PAD, infatti, è l'acronimo di Prefabricated Affordable Dwelling, ovvero abitazione prefabbricata economica. Realizzate su un'intelaiatura d'acciaio con una metratura di 14,8 metri quadrati di superficie, i moduli verrebbero assemblati off-side, rendendone la costruzione estremamente rapida ed adatta nelle situazioni di emergenza, fungendo, quindi, da abitazione temporanea per sfollati o da soluzione abitativa per chi una casa non ce l'abbia più.

 

LA DISASTER HOUSE (DH1) DI LOS ANGELES DELL'ARTISTA GREGG FLEISHMAN

Costruita interamente con legno di compensato forato con pannelli ad incastro, la Disaster House di Los Angeles è una struttura modulare, flessibile e resistente: il pavimento della mini casa non tocca terra – resta sollevata di 30 centimetri –, se non in quattro punti, essendo poggiata su strutture che la rendono assolutamente antisismica. I singoli elementi dell'abitazione, infine, sono di dimensioni talmente contenute da non dover necessitare dell'utilizzo di gru per il loro assemblamento.

 

LA SPHERICAL EKINOID SHELTER, LA MINI CASA – PALAFITTA

La Sperichal Ekinoid Shelter è una piccola abitazione su palafitta delle dimensioni di trentaquattro metri di diametro studiata per resistere alle inondazioni ed alle tempeste. Completamente autosufficiente da punto di vista energetico, l'abitazione è dotata di una turbina eolica, di pannelli solari, di un impianto a bio gas, di un sistema di raccolta delle acque reflue e di un giardino idroponico per la coltivazione del cibo fuori terra. Dopo un primo modello, costruito interamente in rame, ne è stato presentato un altro “aggiornato” in argilla.

 

Rimani aggiornato su tutte le novità Isopan

Iscriviti alla newsletter

ITA © 2016 Manni Group S.p.A | Partita IVA 00286420609

Privacy Policy