IL FUTURO DEL SISTEMA LEED: ALLA SCOPERTA DEL NUOVO V4

11 Gen 2017
IL FUTURO DEL SISTEMA LEED

A tu per tu con Daniele Guglielmino del Green Building Council Italia per parlare della nuova certificazione LEED v4.

Il nuovo sistema LEED v4 è entrato in vigore il primo novembre 2016: quale le novità della sostenibilità energetica certificata? Lo abbiamo chiesto a Daniele Guglielmino, formatore e socio di Green Building Council Italia.

 

Qual è lo stato dell'arte dell'edilizia europea dal punto di vista energetico?

Il settore edilizio è responsabile in Europa per più del 36% dei consumi energetici. Fissati gli obiettivi a medio termine, l’Unione Europea si è impegnata a favorire un cambiamento graduale della pratica corrente attraverso l’emanazione di Direttive Europee sempre più stringenti nella definizione dei requisiti energetici e delle azioni di orientamento richieste agli Stati Membri. La logica evolutiva della legislazione comunitaria, pertanto, è evidente: se infatti la Direttiva EPBD (Energy Performance of Buildings Directive, 2002/91/CE) ha fissato per la prima volta dei requisiti minimi per la prestazione energetica degli edifici di nuova costruzione o sottoposti ad interventi di ristrutturazione importante ed ha introdotto la certificazione energetica, il recast della Direttiva EPBD (2010/31/EU) stabilisce misure più stringenti per raggiungere il target Nearly Zero Energy Building.

 

E per quanto riguarda la situazione italiana?

Nonostante la crisi del mercato dell’edilizia in Italia, negli ultimi anni si è gradualmente affrancato un processo virtuoso in grado di guidare interventi edilizi e portarli a raggiungere standard di sostenibilità certificati e riconosciuti a livello internazionale. Si tratta di sistemi, perlopiù volontari, utili a guidare ed ottimizzare il processo di progettazione, costruzione e gestione degli edifici. Tra questi sistemi, si annovera LEED, senza dubbio tra i più diffusi e riconosciuti dal mercato.

 

In cosa consiste il Sistema LEED?

Acronimo di Leadership in Energy & Environmental Design, si tratta di un sistema di certificazione a punteggio di natura volontaria fra i più diffusi in ambito internazionale ed europeo per la valutazione del livello di sostenibilità degli edifici. Sviluppato a partire dal 1993 da U.S. Green Building Council, costituisce uno schema strutturato per l'implementazione di strategie efficaci e di prestazioni ambientali misurabili per la progettazione, la costruzione, l'esercizio di edifici sostenibili. Oggi è diffuso in oltre 150 Paesi al mondo. LEED si basa su un elenco di requisiti, alcuni obbligatori ed altri volontari, detti crediti, e premiati con un punteggio.

 

Parliamo delle novità del sistema LEED v4: cos'è il Building-Level Energy Metering?

Il nuovo prerequisito Building-Level Energy Metering rende obbligatoria la predisposizione di sistemi di monitoraggio dei consumi e la relativa registrazione con cadenza almeno mensile, condividendo tali dati con USGBC per almeno 5 anni.

 

E l'Advanced Energy Metering?

In continuità al suddetto prerequisito, LEED v4 introduce inoltre il nuovo credito Advanced Energy Metering, che richiede, oltre al monitoraggio del consumo di energia e della produzione in sito da fonte rinnovabile, di eseguire il monitoraggio separato degli usi energetici che rappresentano più del 10% della voce totale aggregata di consumo. In relazione all’energia elettrica, è necessario monitorare sia il consumo che la domanda e la potenza impegnata. I sensori installati dovranno registrare i consumi con intervallo di un’ora ed essere connessi ad un Business Management System, BMS, in grado di storicizzare almeno 36 mesi. Il BMS e il relativo sistema di monitoraggio deve essere in grado di restituire i dati rilevati con intervallo orario, giornaliero, mensile e annuale.

 

Con il nuovo sistema LEED il credito On-site Renewable Energy è divenuto Renewable Energy Production: ovvero, cos'è cambiato?

La variazione principale è da identificarsi nella possibilità che la versione 4 offre di considerare anche l’energia rinnovabile prodotta off site, sfruttando campi solari o sistemi di produzione di energia rinnovabile di quartiere. La versione 4 conserva poi la possibilità di sfruttare l’energia prodotta da fonti rinnovabili collocate fuori sito, attraverso l’acquisizione di idonei certificati: il credito prende io nome di Green Power and Carbon Offsets, derivante dal precedente Green Power.

 

E per quanto riguarda il nuovo credito Demand Response?

Il Demand Response richiede di prevedere l’allacciamento diretto qualora fosse disponibile o la predisposizione all’allacciamento dell’edificio ad una smart grid, una rete di distribuzione intelligente in grado di registrare in tempo reale la domanda e la produzione energetica di tutti i siti allacciati.

 

A che livello siamo il Italia per quanto riguarda la certificazione LEED?

Ad oggi il numero di progetti registrati e certificati LEED in Italia è pari a 341 unità, con un incremento esponenziale a partire dal 2009. L’86% di essi è relativo ad interventi di nuova costruzione o ristrutturazione importante di edifici nella loro interezza, l’8% di essi è relativo ad interventi di fit-out di interno di porzioni di edifici o edifici interi nel settore commerciale e retail. Solo il 6% dei progetti registrati e certificati riguarda la gestione e m

Rimani aggiornato su tutte le novità Isopan

Iscriviti alla newsletter

ITA © 2016 Manni Group S.p.A | Partita IVA 00286420609

Privacy Policy